Dopo quasi un mese di ritiro, le ragazze ed i ragazzi del ciclismo paralimpico sono arrivati in Giappone questa mattina, decisi a dare ancora una volta prova del loro grande valore: Pierpaolo Addesi, Katia Aere, Fabio Anobile, Paolo Cecchetto, Diego Colombari, Fabrizio Cornegliani, Giorgio Farroni, Luca Mazzone, Francesca Porcellato, Andrea Tarlao e Ana Maria Vitelaru.

“Sono anni che alleno e guido Nazionali e devo dire che un gruppo di ragazzi come questo poche volte ho avuto la fortuna di allenare” parola del Commissario Tecnico Valentini, che nel suo palmarès annovera 9 tra Olimpiadi e Paralimpiadi, con 12 medaglie d’oro, e 100 mondiali (un record ancora ineguagliato). E ancora: “Ci siamo allenati tanto, abbiamo lavorato, abbiamo dimostrato ai Mondiali in Portogallo che siamo competitivi. Partiamo per Tokyo con la consapevolezza di aver fatto del nostro meglio e… – la voce si rompe per l’emozione – i ragazzi hanno voluto passare a ringraziare mio figlio Mauro (scomparso a febbraio di quest’anno, ndr) che ha condiviso con loro e con il sottoscritto tanta fatica e tanto lavoro. E’ un gesto che resta nel cuore e di cui ringrazio ognuno di loro”.

Aggiunge ancora il CT: “Il mio pensiero, mentre saliamo sull’aereo che ci porta in Giappone, non può che correre ai ragazzi che sono rimasti a casa, ai tanti atleti che avrebbero meritato quanto questi di poter partecipare ad un evento unico. Penso anche e soprattutto a Giancarlo Masini, grande atleta e amico, oltre che consigliere federale, che non ha mancato di far sentire la sua vicinanza in questi giorni di ritiro a Rovere. E’ venuto a trovarci e ci ha fatto enormemente piacere. Ci ha fatto capire che la Federazione, che ringrazio, ci supporta e ci sta vicino”. A salutare infatti il gruppo in partenza è voluto esserci anche il Vice Segretario Generale della FCI Marco Castellano, presente anche a Rovere nei giorni scorsi durante il ritiro della Nazionale.

Un pensiero, infine, non può che andare a chi ancora guida questo gruppo seppur da lontano: Alex Zanardi. “Lui ha fatto più di tutti noi, per il movimento paralimpico, e per riconsiderare la disabilità tra le persone, ha fatto in modo che ci conoscessero. Questi ragazzi, i prossimi giorni, gareggeranno e daranno il massimo per lui e per Mauro… è tanta roba”.

LE GARE – L’esordio dei nostri azzurri a Tokyo è programmato per il 31 agosto con una giornata dedicata alle prove a cronometro. Il primo settembre spazio alle prove in linea degli handbikers, mentre tra il 2 ed il 3 settembre a correre saranno i ciclisti. Il 2 settembre in scena inoltre il Mixed Team Relay.

PROGRAMMA COMPLETO (orario italiano)

31 agosto – PROVE A CRONOMETRO – 01:00 – 10:15

Men’s H5 Time Trial (Colombari)
Men’s H3 Time Trial (Cecchetto)
Women’s H4-5 Time Trial (Vitelaru-Aere)
Men’s H2 Time Trial (Mazzone)
Men’s H1 Time Trial (Cornegliani)
Women’s H1-3 Time Trial (Porcellato)
Men’s C5 Time Trial (Addesi-Tarlao)
Men’s C3 Time Trial (Anobile)
Men’s T1-2 Time Trial (Farroni)

1 SETTEMBRE – PROVE IN LINEA – 02:30 – 10:05

Men’s H5 Road Race (Colombari)
Men’s H1-2 Road Race (Cornegliani – Mazzone))
Women’s H5 Road Race (Vitelaru – Aere)
Women’s H1-4 Road Race (Porcellato)
Men’s H3 Road Race (Cecchetto)

2 SETTEMBRE – PROVE IN LINEA / TEAM RELAY – 02:30 – 09:45

Men’s C1-3 Road Race (Anobile)
Men’s T1-2 Road Race (Farroni)
Mixed H1-5 Team Relay (Mazzone, Cecchetto, Colombari)

3 SETTEMBRE – PROVE IN LINEA – 02:30 – 09:45

Men’s C4-5 Road Race (Tarlao – Addesi)

Gli azzurri

ADDESI PIERPAOLO – TEAM GO FAST
AERE KATIA – ANMIL SPORT ITALIA
ANOBILE FABIO – NATURA E SPORT
CECCHETTO PAOLO – TEAM EQUA
COLOMBARI DIEGO – POLISPORTIVA PASSO ASD ONLUS
CORNEGLIANI FABRIZIO – TEAM EQUA
FARRONI GIORGIO – ANTHROPOS ASD
MAZZONE LUCA – CIRCOLO CANOTTIERI ANIENE
PORCELLATO FRANCESCA – G.C. APRE‑OLMEDO
TARLAO ANDREA – TEAM GO FAST
VITELARU ANA MARIA – ANMIL SPORT ITALIA

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta