In base all’analisi di Mediamonitor.it è la nuotatrice azzurra ad aver avuto fino ad oggi più citazioni sui media italiani, il doppio dell’unica medaglia d’oro Vito dell’Aquila. Attenzione su nuotatori e schermidori che hanno entusiasmato o deluso.

Con la quinta finale olimpica conquistata, le sue lacrime, l’annuncio del fine carriera e della sua relazione con l’allenatore Matteo Giunta, la nuotatrice Federica Pellegrini ha catalizzato l’attenzione dei media italiani raccogliendo fino ad oggi ben 4.580 citazioni e lasciando quasi a metà strada con 2.859 menzioni Vito dell’Aquila, l’unica medaglia d’oro conquistata fino ad oggi nel taekwondo. E’ quanto emerge dal monitoraggio su oltre 1.500 fonti informative fra carta stampata (quotidiani nazionali, locali e periodici), siti di quotidiani, principali radio, tv e blog svolto da Mediamonitor.it, sito specializzato che utilizza tecnologia e soluzioni sviluppate da Cedat 85, azienda attiva da oltre 35 anni nella fornitura dei contenuti provenienti dal parlato.

Il sito ha analizzato qual è stata, dal 23 luglio (giorno della cerimonia inaugurale) al 28 luglio pomeriggio, la visibilità sui media degli atleti italiani che si sono aggiudicati una medaglia alle Olimpiadi di Tokyo 2020 o di altri che si sono messi in evidenza per ragioni sportive e non solo.

Il terzo posto nella classifica è occupato dallo schermidore Luigi Samele (2.075 citazioni), vincitore della prima medaglia azzurra (argento) a Tokyo con la sciabola individuale. Ai piedi del podio la judoka romana Odette Giuffrida (1.571 menzioni) seguita dal nuotatore Nicolò Martinenghi (1476 citazioni) anche lui medaglia di bronzo. Con un livello di visibilità quasi uguale al sesto, settimo e ottavo posto si collocano il fiorettista Daniele Garozzo (1.443 citazioni), il pesista Mirko Zanni (1.441) e la tiratrice Diana Bacosi (1.432).

Nella top ten fra gli atleti “senza medaglia” c’è la portabandiera e giocatrice di pallavolo Paola Egonu (1.325 citazioni e 10° posto). I mezzi di informazione nazionali sembrano più attratti dalle vicende di nuotatori e nuotatrici piuttosto che da schermidori e schermitrici. Le aspettative e le sue prestazioni deludenti hanno relegato la giovane nuotatrice Benedetta Pilato all’undicesimo posto con 1.244 menzioni. Alle sue spalle la ginnasta bresciana Vanessa Ferrari (1.130) che ha trascinato la squadra azzurra a un soffio dalla medaglia di bronzo. Dopo Maria Centracchio (Judo, medaglia di bronzo, 1.076 citazioni, 13° posto), un altro nuotatore che ha deluso le aspettative della vigilia: Gabriele Detti (1.050). A ridosso la fiorettista Alice Volpi (994 menzioni), compagna di Daniele Garozzo. E con la conquista della medaglia d’argento nella sciabola a squadre ha guadagnato visibilità il veterano Aldo Montano (989 citazioni), che partecipa a un’altra finale olimpica a 42 anni.

L’indagine registra, infine, come le altre medaglie, soprattutto quelle a squadra abbiamo avuto minore attenzione dai media italiani.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta