ROMA, 17 luglio 2021 –  Al termine dell’allenamento di questa mattina la Delegazione del canottaggio, che sarà in gara agli imminenti Giochi di Tokyo, è arrivata al Villaggio Olimpico proveniente dal lago Suwa, a Nagano, dove ha trascorso i primi cinque giorni di ambientamento e allenamenti nel Paese del Sol Levante. Da oggi, e fino al primo agosto, gli azzurri e le azzurre agli ordini del Direttore Tecnico Francesco Cattaneo soggiorneranno presso il Villaggio Olimpico, situato a Chuo City, Tokyo. Da lì, l’Italremo ogni giorno raggiungerà il Sea Forest Waterway, teatro delle regate a cinque cerchi in programma dal 23 al 30 luglio e che da domani, dopo aver espletato tutte le formalità, ospiterà anche gli ultimi allenamenti di rifinitura della squadra azzurra prima delle gare olimpiche.

Quali sono le reali speranze del canottaggio azzurro a queste Olimpiadi? Sono nove gli equipaggi qualificatisi per questi giochi, formando una delle delegazioni più numerose. Il canottaggio azzurro non vince una medaglia d’oro dalle Olimpiadi di Sydney con il quattro con. Parliamo di oltre 20 anni, che rappresentano un tempo estremamente lungo per una federazione che aveva entusiasmato lo sport azzurro con i fratelli Abbagnale. Proprio Giuseppe ha preso le redini di una federazione che a Rio aveva mostrato di essere alle prese con una grande crisi di risultati. Rinnovata la direzione tecnica sono tornati i risultati, soprattutto ai Mondiali e nei meeting internazionali, in particolare ai Mondiali del 2019 in cui l’Italia ha portato a casa il secondo posto nel medagliere. Arriviamo a Tokyo sicuramente non come la squadra da battere, ma possiamo essere protagonisti in molte gare e noi crediamo possibili due medaglie.

Speciale XXXII Olimpiadi – Tokyo 2020NE

Foto A.Di Miceli/Canottaggio.org

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta