Home Editoriali Tokyo 2020 – Prova in linea uomini, chi fermerà Pogacar?

Tokyo 2020 – Prova in linea uomini, chi fermerà Pogacar?

Già domani, dalle 4 del mattino in Italia, si abbasserà la bandiera dello start per una delle prove più attese, quella in linea maschile. Arrivo previsto attorno alle ore 11, prevista diretta Rai e Discovery.

0

Il fitto programma olimpico per le competizioni ciclistiche non lascia il tempo di festeggiare. Già domani, dalle 4 del mattino in Italia, si abbasserà la bandiera dello start per una delle prove più attese, quella in linea maschile. Arrivo previsto attorno alle ore 11, prevista diretta Rai e Discovery.

Vincenzo Nibali, Damiano Caruso, Giulio Ciccone, Alberto Bettiol e Gianni Moscon hanno completato oggi la loro preparazione con l’ultimo giorno di allenamento. Tra gli uomini più attesi in gara c’è anche Gianni Moscon, talento indiscusso del nostro movimento che quest’anno ha collezionato tre successi (due al Tour of the Alps e al GP di Lugano) e uomo squadra al Giro, contribuendo in modo determinante al successo di Egan Bernal: “E’ stata una bella settimana, abbiamo lavorato bene. La tensione si sente: è l’appuntamento più importante della mia carriera. Percorso selettivo, per cui bisognerà conservare le energie per il momento decisivo, quando la corsa entrerà nel vivo. Non vedo l’ora di cominciare a correre, noi siamo pronti.”.

Gli azzurri non partono certo per favoriti. La nouvelle vague del ciclismo internazionale risponde ai nomi di Tadej Pogacar, fresco vincitore del Tour de France, e Van Aert, dominatore dell’ultima tappa. Ci sarebbe anche Mathieu van der Poel, ma l’olandese ha deciso di provarsi sul crosscountry, mettendo tra l’altro una seria ipoteca sul successo in quella prova. Dietro ai due troviamo Roglic, sicuramente in grado di resistere a tutti gli attacchi in salita e in grado di battere in volata chiunque, Van Avertmaet, Valverde, sempre pericoloso nelle prove che contano nonostante l’età, i fratelli Yates, Mollema, il colombiano Quitana, l’equadoregno Carapaz.

Gli azzurri non fanno parte del primo lotto dei favoriti, ma possono allineare al via uomini di grande talento e soprattutto esperienza. Da questo punto di vista Vincenzo Nibali è l’archetipo del corridore di talento e di esperienza che, per dirla con le parole del presidente Dagnoni, se dovesse riscuotere quanto gli ha negato la sorte in passato, adesso già potrebbe festeggiare. Ricordiamo, infatti, che cinqu anni fa, in occasione delle Olimpiadi di Rio, Vincenzo cadde in discesa mentre era in fuga a pochi chilometri dalla conclusione dopo una stupenda azione in salita. Da allora la sorte gli ha negato anche un Tour in cui partiva in perfetta forma e una stagione di covid, che ha penalizzato molti.

Per quanto riguarda il talento, poi, Alberto Bettiol e Gioanni Moscon non sono secondi a nessuno. Speriamo che domani possano trovare l’ispirazione che li ha guidati nei giorni migliori. (nella foto Bettini-FCI la cerimonia di apertura)

In totale saranno 130 atleti in rappresentanza di 57 paesi.

STRADA (Fuji International Speedway)

In Linea Uomini – 24/07 04:00-11:15

Belgio
1 VAN AVERMAET Greg
2 BENOOT Tiesj
3 EVENEPOEL Remco
4 VAN AERT Wout
5 VANSEVENANT Mauri

Slovenia
6 POGAČAR Tadej
7 POLANC Jan
8 ROGLIČ Primož
9 TRATNIK Jan

Francia
10 CAVAGNA Rémi
11 COSNEFROY Benoît
12 ELISSONDE Kenny
13 GAUDU David
14 MARTIN Guillaume

Spagna
15 IZAGIRRE Gorka
16 IZAGIRRE Ion
17 VALVERDE Alejandro
18 HERRADA Jesús
19 FRAILE Omar

Gran Bretagna
20 GEOGHEGAN HART Tao
21 THOMAS Geraint
22 YATES Simon
23 YATES Adam

Italia
24 BETTIOL Alberto
25 CARUSO Damiano
26 CICCONE Giulio
27 MOSCON Gianni
28 NIBALI Vincenzo

Paesi Bassi
29 DUMOULIN Tom
30 HAVIK Yoeri
31 KELDERMAN Wilco
32 MOLLEMA Bauke
33 VAN BAARLE Dylan

Colombia
34 CHAVES Esteban
35 HIGUITA Sergio
37 QUINTANA Nairo
38 URÁN Rigoberto

Australia
40 DURBRIDGE Luke
41 HAMILTON Lucas
42 PORTE Richie

Danimarca
43 ASGREEN Kasper
44 FUGLSANG Jakob
45 VALGREN Michael
46 JUUL-JENSEN Christopher

Germania
47 SCHACHMANN Maximilian
48 GESCHKE Simon
49 BUCHMANN Emanuel
50 ARNDT Nikias

Svizzera
51 HIRSCHI Marc
52 KÜNG Stefan
53 MÄDER Gino
54 SCHÄR Michael

Portogallo
55 ALMEIDA João
56 OLIVEIRA Nelson

Irlanda
57 DUNBAR Eddie
58 MARTIN Dan
59 ROCHE Nicolas

Ecuador
60 CARAPAZ Richard
61 NARVÁEZ Jhonatan

Russia
62 SIVAKOV Pavel
63 VLASOV Aleksandr
64 ZAKARIN Ilnur

Norvegia
65 FOSS Tobias
66 HOELGAARD Markus
67 JOHANNESSEN Tobias Halland
68 LEKNESSUND Andreas

Polonia
69 BODNAR Maciej
70 KWIATKOWSKI Michał
71 MAJKA Rafał

Nuova Zelanda
72 BENNETT George
73 BEVIN Patrick

Sudafrica
74 GIBBONS Ryan
75 DE BOD Stefan
76 DLAMINI Nic

Canada
77 BOIVIN Guillaume
78 HOULE Hugo
79 WOODS Michael

Repubblica Ceca
80 ŠTYBAR Zdeněk
81 SCHLEGEL Michal
82 KUKRLE Michael

Austria
83 KONRAD Patrick
84 MÜHLBERGER Gregor
85 PERNSTEINER Hermann

USA
86 CRADDOCK Lawson
87 MCNULTY Brandon

Slovacchia
88 SAGAN Juraj
89 KUBIŠ Lukáš

Kazakhstan
90 GRUZDEV Dmitriy
91 LUTSENKO Alexey
92 PRONSKIY Vadim

Ucraina
93 BUDYAK Anatoliy

Estonia
94 KANGERT Tanel
95 PRUUS Peeter

Eritrea
96 GHEBREIGZABHIER Amanuel
97 KUDUS Merhawi

Lettonia
98 NEILANDS Krists
99 SKUJIŅŠ Toms

Lussemburgo
100 GENIETS Kevin
101 RIES Michel

Bielorussia
102 RIABUSHENKO Alexandr

Algeria
103 LAGAB Azzedine
104 MANSOURI Hamza

Romania
105 GROSU Eduard-Michael

Lituania
106 ŠIŠKEVIČIUS Evaldas

Ungheria
107 VALTER Attila

Grecia
108 TZORTZAKIS Polychronis

Panama
109 JURADO Christofer Robín

Messico
110 FRAYRE Eder

Giappone
111 MASUDA Nariyuki
112 ARASHIRO Yukiya

Guatemala
113 RODAS Manuel

Ruanda
114 MUGISHA Moise

Namibia
115 DE LANGE Tristan

Venezuela
116 AULAR Orluis

Turchia
117 BALKAN Onur
118 ÖRKEN Ahmet

Croazia
119 RUMAC Josip

Burkina Faso
120 DAUMONT Paul

China
121 WANG Ruidong

Iran
122 SAFARZADEH Saeeid

Argentina
123 SEPÚLVEDA Eduardo

Uzbekistan
124 HALMURATOV Muradjan  MArocco
125 EL KOURAJI Mohcine

Costa Rica
126 AMADOR Andrey

Azerbaijan
127 ASADOV Elchin

Perù
128 NAVARRO Royner

Taiwan
129 FENG Chun Kai

Hong Kong
130 CHOI Hiu Fung

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Nessun commento

Commenta

Exit mobile version