Torneo AusTiger – Italbasket finalmente al gran completo

Tornano in campo Gigi Datome e Danilo Gallinari. Domani, Azzurri contro la Serbia (13.30 in Italia). Domenica la Francia (9.30 in Italia) e lunedì la N. Zelanda (13.30 in Italia). Sacchetti: “Serbia e Francia da Medaglia".

Torneo AusTiger – Italbasket finalmente al gran completo

A soli otto giorni dall’inizio della FIBA World Cup, l’Italia si appresta ad affrontare le ultime tre gare amichevoli nel Torneo AusTiger in Cina. A Shenyang e Anshan, gli Azzurri completeranno la preparazione sfidando la Serbia (23 agosto, ore 13.30 in Italia), la Francia (25 agosto, ore 9.30 in Italia) e la Nuova Zelanda (26 agosto, ore 13.30 in Italia). Non ci sarà copertura televisiva o streaming del Torneo AusTiger.

Meo Sacchetti recupera Gigi Datome e Danilo Gallinari, pronti a scendere in campo per la prima volta in questa stagione Azzurra, ma deve fare a meno per il primo match di Amedeo Della Valle, fermato da una lieve contrattura muscolare al collo. Fuori per rotazione Giampaolo Ricci.

Il Capitano, che ha svolto lavoro differenziato in seguito all’operazione al ginocchio effettuata dopo la fine del campionato turco, è rientrato in gruppo da qualche giorno e dopo essere andato in panchina in uno dei match del torneo dell’Acropolis ad Atene, è pronto al suo esordio.

Contro la Serbia, sarà a disposizione anche Danilo Gallinari, che il 3 agosto scorso si era dovuto fermare per un’appendicectomia effettuata all’ospedale di Verona. Il suo recupero, avvenuto nei tempi prestabiliti dallo staff medico sanitario Azzurro, si è completato nei primi giorni dal soggiorno cinese. Danilo è dunque pronto per riprendere il suo posto in campo. Martedì 27 agosto il trasferimento a Foshan, nel sud della Cina, sede del girone mondiale.

Così il CT Meo Sacchetti: “Finalmente possiamo inserire in squadra i due giocatori che finora non erano entrati nelle rotazioni per infortunio. Datome e Gallinari rientreranno contro la Serbia e dunque fin da subito in un test molto più che duro contro una formazione sulla quale non occorre spendere altre parole. Per noi sarà il secondo confronto con loro prima di ritrovarci a Foshan con due punti in palio. Quotatissima per un piazzamento di prestigio al Mondiale anche la Francia, ormai in pianta stabile nell’élite del basket europeo e non solo. Sarà interessante confrontarci anche con il gioco della Nuova Zelanda, che per noi rappresenta l’ultimissimo passo prima della scelta definitiva del roster. Procede bene il nostro ambientamento in Cina: abbiamo trovato un’ottima accoglienza e soprattutto un grande desiderio di pallacanestro. Mi aspetto di trovare palazzetti pieni a Shenyang e Anshan”.

Il primo match in calendario nel torneo AusTiger, per l’Italia, è la seconda sfida alla Serbia di coach Djordjevic, avversaria degli Azzurri il prossimo 4 settembre nella terza e ultima partita del gruppo D a Foshan nella prima fase Mondiale. Roster profondo e di immenso talento, i serbi sono candidati certi ad una Medaglia e già ad Atene hanno dimostrato il proprio valore vincendo il torneo dell’Acropoli nella finalissima contro i padroni di casa della Grecia all’overtime davanti ai 20.000 spettatori dell’OAKA. I vice campioni Europei, Olimpici e Mondiali dovranno fare a meno di Milos Teodosic ma potranno contare su 5 giocatori NBA (Bogdanovic, Bjelica, Marjanovic, Jokic e Guduric) oltre che su giocatori di grande affidabilità ed esperienza internazionale (Micic su tutti). Ad Atene, dopo un buon primo quarto, l’Italia ha ceduto 96-64 allo strapotere serbo. In quell’occasione, oltre a Datome e Gallinari, Sacchetti non poté disporre di Daniel Hackett, fermato da noie intestinali.

Dopo un giorno di riposo, gli Azzurri affronteranno la Francia del CT Vincent Collet, alle prese con un ricambio generazionale che promette bene vista la presenza nel roster dei giovanissimi, e già NBA, Okobo (Suns) e Ntilikina (Knicks). Dalla Lega, provengono anche Batum (Hornets), Fournier (Magic), Poirier (Boston) e Gobert (Jazz). Senza dimenticare Nando De Colo, campione in carica in Eurolega e passato in estate dal CSKA Mosca al Fenerbahce. Anche i francesi aspirano al podio e giocheranno la prima fase del Mondiale nel gruppo G di Shenzen con Repubblica Dominicana, Germania e Giordania.

Ultimo match del torneo ad Anshan, città a circa un’ora da Shenyang, contro la Nuova Zelanda, formazione che al Mondiale giocherà nel gruppo F di Nanchino con Grecia, Brasile e Montenegro. Il CT Paul Henare ha già chiuso il roster dei 12 che parteciperanno alla FIBA World Cup tagliando neanche 24 ore fa Murray (classe 2002) e Vodanovich. I “Tall Blacks”, che all’inizio di ogni partita intonano la Haka, danza tipica del popolo Maori, proprio come gli “All Blacks” nel rugby, possono contare su soli due giocatori che militano in formazioni europee: Fotu a Ulm in Germania e Webster al Galatasaray in Turchia. Gli altri 10 giocano nei campionati di Nuova Zelanda e Australia, compreso il centro di 215 centimetri Alex Pledger (classe 1987 del Melbourne United).

Gli Azzurri

#00 Amedeo Della Valle (1993, 194, G, A|X Armani Exchange Milano)
#3 Marco Belinelli (1986, 196, G, San Antonio Spurs – NBA)
#5 Alessandro Gentile (1992, 200, G/A, )
#6 Paul Biligha (1990, 200, C, A|X Armani Exchange Milano)
#7 Luca Vitali (1986, 201, P, Germani Basket Brescia)
#8 Danilo Gallinari (1988, 208, A, Oklahoma City Thunder – NBA)
#10 Daniel Hackett (1987, 199, G, CSKA Mosca – Rus)
#12 Ariel Filloy (1987, 190, P, Umana Reyer Venezia)
#15 Jeff Brooks (1989, 203, A, A|X Armani Exchange Milano)
#16 Amedeo Tessitori (1994, 208, C, De’ Longhi Treviso)
#17 Giampaolo Ricci (1991, 201, A, Segafredo Virtus Bologna)
#23 Awudu Abass (1993, 198, A, Germani Basket Brescia)
#41 Brian Sacchetti (1986, 200, A, Germani Basket Brescia)
#70 Luigi Datome (1987, 203, A, Fenerbahce – Tur)

Abbonati qui a Express VPN, ottieni il 30% di sconto

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.