La vittoria di Nepomniachtichi sul giovane connazionale Alekseenko, nel 10° turno dei Torneo dei Candidati, è di quelle che in altri tempi avrebbe fatto sorgere qualche dubbio sul gioco di squadra dei russi. Il fin qui brillante Kirill nel decimo turno è entrato in una variante subito perdente della partita inglese, resistendo solo 31 mosse.

Questo ha permesso all’attuale leader della generale di allungare ancora su gli immediati inseguitori che sono Fabiano Caruana e Vachier Lagrave e Giri, tutti staccati di 1 punto.

L’italo americano ha pareggiato contro il n. 3 del ranking mondiale Ding Liren una partita che avrebbe potuto vincere e poi perdere. Entrambi i giocatori fino ad oggi sembra abbiano giocato più per non perdere che per vincere, mancando di osare sia nelle partite del nono che del decimo turno.

Nepomniachtchi v Alekseenko

Partita inglese per Nepo che nella variante “simil-catalan” manda in crisi il suo giovane avversario già all’ottava mossa. Come ha poi ammesso in fase di conferenza stampa, Alekseenko è entrato subito in un territorio che non aveva preparato particolarmente. “È un errore abbastanza comune preparare tutte le linee principali e passare meno tempo a guardare alcune linee laterali e ordini di mosse complicati. Quindi 1. c4 Nf6 2. g3 non è esattamente ciò che ti preoccupa di più..” ha detto inglese Daniil Dubov durante la diretta.

Ian Nepomniachtchi incassa il regalo: “E’ apparso tutto molto facile, ma in realtà credo di essere stato fortunato che in apertura Kirill sia entrato velocemente in una posizione che non conosceva”.

Riguardo alla leadership dopo il decimo turno, Ian si traveste da Catalano (ricordate “Quelli della Notte”?): “È meglio avere 3 punti di vantaggio che 1… ma è troppo presto per trarre conclusioni”.

Caruana v Ding Liren

Fabiano Caruana ha utilizzato un sacrificio di pedone posizionale nella cosiddetta variazione “anti-Marshall” della Spagnola, sviluppando pressione sul lato regina del nero. La posizione di bianco è sembrata subito molto promettente, ma al momento di semplificare al centro, Fabiano non ha agito nel migliore dei modi e si è ritrovato in svantaggio, almeno dal punto di vista di materiale (un pedone in meno).

Nel finale di partita con torri e cavalli, è sembrato che il Nero avesse ancora qualche opportunità di giocare per la vittoria, ma Ding Liren, evidentemente, li ha considerati insufficienti e ha accettato immediatamente un pareggio.

Parlando delle sue ulteriori possibilità di vincere il torneo, Fabiano Caruana ha sottolineato: “Un punto di vantaggio non è insormontabile”.

Giovedì 22 aprile è prevista la prima pausa di questo Torneo dei Candidati. Si torna sulle scacchiere venerdì 22 aprile alle ore 13,00.

Classifica dopo il 10° turno

Live dell’undicesimo turno del Torneo dei Candidati su Chess24Italian

Nepomniachtchi vs Caruana – E’ uno degli scontri cardine di questo Torneo dei Candidati ed anche una delle ultime occasioni per Fabiano di agguantare la seconda chance contro Carlsen. Nepo può contare su due risultati utili su tre, ed anche la sconfitta non creerebbe i danni che invece porterebbe a Caruana.

Negli scontri il punteggio è 1-0 per il russo e 7 patte, tra cui la partita di un anno fa sempre al Torneo dei Candidati.

Alekseenko vs Wang – Unico precedente la partita dello scorso anno che finì in parità. Alekseenko aveva iniziato bene con un successo la ripresa del torneo, poi il pareggio contro Caruana l’ha comunque portato momentaneamente al secondo posto. La sconfitta contro Nepo è stata una brutta battuta di arresto, anche per come è maturata.

Grischuk vs Vachier-Lagrave – Bilancio a favore del russo, con 2 vittorie contro 1 e 15 pareggi. Sono i due apparentemente meno in forma in questa fase del Torneo ed entrambi hanno perso alla ripresa dello stesso.

Giri vs Ding – Perfetta parità tra il talento olandese e il numero 3 del mondo con 2 vittorie a testa e ben 21 patte.

Avatar
Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta