Torneo dell’Acropolis: Italia ancora sconfitta, con la Serbia 64-96

Il CT: “Non è bello perdere così. Serbia fortissima ma si può migliorare”. Domani contro la Turchia (ore 17.00 in Italia, diretta Sky Sport Arena).

Torneo dell’Acropolis: Italia ancora sconfitta, con la Serbia 64-96

Atene. Ancora schiaffi per l’Italia del basket che sta preparando il Mondiale. All’esordio del Torneo dell’Acropolis Sacchetti aveva detto: “Adesso facciamo sul serio…”, intendendo che le avversarie affrontate sarebbero state tutte di “prima classe”. Dopo due partite le cose iniziano a volgere al brutto. Contro la Serbia arriva la seconda, netta e dolorosa per come maturata, sconfitta. Troppa Serbia per l’Italia e la prossima volta ce la ritroveremo al Mondiale!

Il primo dei tre scontri estivi (il più importante al Mondiale il 4 settembre) va alla squadra di Djordjevic (64-96), che sfrutta chili, centimetri e talento per piegare un’Italia apparsa più viva rispetto alla sconfitta contro la Grecia. Privo di Gallinari e Datome, il CT Meo Sacchetti ha dovuto fare i conti stasera anche con l’improvvisa assenza di Daniel Hackett, fermato da un malessere intestinale. Nonostante la sfortuna e l’evidente divario fisico tra le due formazioni, l’Italia non ha dato mai nulla per scontato mostrando carattere e voglia di mettere in difficoltà la Serbia su ogni pallone. Marjanovic e compagni sono da Medaglia d’Oro mondiale e anche stasera lo hanno ampiamente dimostrato. Per l’Italia altro tassello sulla via di Foshan. Aspettando di poter avere tutti gli effettivi a disposizione.

Così coach Sacchetti: “Non è bello perdere in questa maniera. Abbiamo avuto qualche sprazzo durante la gara ma ci manca ancora quella durezza mentale per giocare contro squadre di questo livello. La differenza tra noi e loro l’abbiamo vista e pagata. Non scopriamo oggi la Serbia, squadra profonda e con giocatori che per noi sono immarcabili. Detto questo, si può migliorare anche perché facendo poco canestro da fuori è difficile trovare gioco interno. Da oggi siamo in 14 dopo il taglio di Pietro Aradori: una scelta tecnica dovuta al fatto che in quel ruolo riteniamo di essere coperti”.

L’Italia parte subito bene: la tripla di Luca Vitali, playmaker titolare stasera, è un segnale e lancia la fiammata di Belinelli (2+3) che vale il 10-9 al sesto minuto. Sotto i canestri sono scintille e quando Djordjevic alza il tonnellaggio inserendo Jokic, Bjelica e Marjanovic è Tessitori a farsi notare. Le prova tutte il numero 16 Azzurro. Si fa fischiare 3 falli ma recupera palloni e cattura rimbalzi in un territorio presidiato da gente con quasi 15 centimetri in più. In avvio di secondo periodo l’accelerata è di Ale Gentile, che con un 2+1 e una schiacciata tiene l’Italia in vantaggio (20-17). Da questo momento, però, la Serbia ruggisce con un 10-0 che ammette poche repliche fino al canestro in precario equilibrio di Belinelli. Ormai è 22-27. C’è spazio per la seconda tripla di Vitali e per la schiacciata di Abass sulla testa di Jokic prima del nuovo allungo serbo che culmina con la tripla a fil di sirena di Bogdanovic. Intervallo sul 32-45 Serbia. Il secondo tempo si apre con lo show di Amedeo Della Valle, che in un minuto semina il panico con 7 punti consecutivi, tripla compresa. Il break viene vanificato dai 222 centimetri di Marjanovic (che schiaccia senza saltare) e dalla mira spaziale di Bogdan Bogdanovic (39-56 al 25esimo). Si finisce sotto di 20 (41-61) prima della nuova reazione Azzurra: Ale Gentile e Abass approfittano dell’antisportivo fischiato a Micic e accorciano (47-61). L’ultimo quarto fila via sulle giocate della coppia Jokic-Marjanovic, per larghi tratti devastanti. Le energie degli Azzurri vanno via via calando e la Serbia tocca il +30 (60-90) a due minuti dalla fine e il +32 alla sirena (64-96).

L’Italia tornerà in campo domani, domenica 18 agosto ore 17.00 italiane in diretta su Sky Sport Arena, contro la Turchia, che in serata giocherà contro i padroni di casa della Grecia. Lunedì 19 agosto la squadra viaggerà da Atene a Pechino per poi trasferirsi a Shenyang e disputare il torneo AusTiger con Serbia, Francia e Gran Bretagna. Esordio al Mondiale il 31 agosto a Foshan contro le Filippine (ore 13.30 in Italia, diretta Sky Sport).

Italia-Serbia 64-96 (15-14, 17-31, 17-24, 15-27)

Italia: Della Valle 9 (2/2, 1/4), Belinelli* 16 (4/8, 2/5), Gentile 11 (3/7, 0/2), Biligha* 6 (2/6, 0/1), Vitali L.* 6 (0/2, 2/4), Filloy (0/3, 0/1), Brooks* 3 (1/1 da tre), Tessitori 2 (1/3), Ricci (0/2, 0/2), Abass* 9 (4/6, 0/2), Sacchetti B. 2 (1/2, 0/3), Datome ne. All: Sacchetti R.

Serbia: Simonovic* 8 (1/2, 2/3), Bogdanovic* 15 (3/3, 3/11), Bjelica 13 (1/1, 3/8), Raduljica ne, Bircevic* (0/1, 0/1), Jokic 20 (4/7, 1/1), Milutinov* 3 (1/2), Micic 11 (1/4, 2/4), Guduric 13 (1/2, 3/5), Jovic* (0/2, 0/3), Marjanovic 13 (4/6, 0/1). All: Djordjevic A.

Tiri da due Ita 17/41, Ser 17/30; Tiri da tre Ita 6/25, Ser 13/37; Tiri liberi Ita 12/14, Ser 23/27. Rimbalzi Ita 31 (5 Tessitori), Ser 45 (7 Bjelica, Marjanovic). Assist Ita 14 (3 Biligha, Vitali), Ser 24 (5 Micic).

Usciti 5 falli: Belinelli

Spettatori: 2.000

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.