Torneo di Scacchi di Saint Louis, Caruana vola imbattuto

Torneo di Scacchi di Saint Louis, Caruana vola imbattuto
Torneo di Saint Louis - Fabiano Caruana

Caruana nell’incontro contro Nakamura

I giornali e la stampa, anche in Italia, stanno scoprendo Fabiano Caruana. C’è voluto l’uno-due rifilato nel giro di 24 ore rispettivamente al n. 1 e n. 2 al mondo (Carlsen e Aronian) nel Torneo di Scacchi di Saint Louis per portare alla ribalta del nostro paese il gioco nel quale un tempo dovevamo essere maestri (sono tante infatti le varianti teoriche che prendono direttamente il nome dal nostro paese: “gioco piano”, “siciliana”, solo per citarne due).
Ma nella realtà, per quanto riguarda gli scacchi moderni, diciamo da metà dell’ottocento in poi l’Italia non ha mai avuto un giocatore all’altezza dei migliori. Adesso invece, nello spazio di pochi anni, succede che un talento come Fabiano Caruana, nato e cresciuto scacchisticamente negli USA, figlio di genitori italiani, decide di giocare per l’Italia. Da quando ha compiuto questa scelta, poi, la sua crescita tecnico teorica è stata ancora più prodigiosa, favorita da un ambiente (leggi Federazione) che ha fatto di tutto per metterlo nella condizione di maturare e mantenere fede alle promesse.
Il torneo di Saint Louis in svolgimento fino al 6 settembre ci dice che queste promesse sono ormai state mantenute. Con un gioco che ispira commentatori ed appassionati, infatti, Fabiano Caruana sta conducendo con l’incredibile score di 5 vittorie su 5 partite. In pratica ha affrontato tutti gli altri (in totale il torneo allinea alla partenza 6 dei 9 migliori giocatori di scacchi al mondo) battendoli sempre, mettendo in mostra una preparazione teorica e una profondità di analisi per certi versi inattese.
Il mondo degli scacchi così si trova adesso per le mani un nuovo dualismo da “vendere” sul mercato della comunicazione. Contrapposti due ragazzi (Carlsen 23 anni, Caruana 22) che promettono di attirare l’attenzione per i prossimi anni a venire. Dopo Fisher – Spasky e Karpov – Kasparov adesso inizia l’era di Carlsen – Caruana.
Nel torneo negli USA Caruana ha battuto nel primo turno Topalov (con il nero), nel secondo il francese Vachier Lagrave. Nella terza giornata ha vinto (ancora con il nero) contro il campione Magnus Carlsen con una facilità preoccupante (per il norvegese, chiamato ad novembre a rimettere in palio il titolo… se vorrà). Poi ha travolto Aronian, sorprendendolo con una novità in apertura. Nell’ultima partita del girone di andata infine ha vinto (con il nero) con Nakamura, con il quale nei precedenti 15 incontri non era mai riuscito a vincere (dodici patte e tre sconfitte).
Classifica girone di andata: Caruana 5, Carlsen e Topalov 2.5, Vachier Lagrave 2, Aronian e Nakamura 1.5.
La FIDE ha diramato la classifica mondiale a punti al 1 settembre; al primo posto ancora Magnus Carlsen, al secondo Levon Aronian con soli 3 punti di vantaggio su Fabiano Caruana, ma i risultati del torneo di Saint Louis non sono ancora calcolati. Quando questi verranno presi in considerazione è probabile il sorpasso di Caruana ai danni di Aronian. A quel punto diventa quasi obbligatorio attendere Fabiano alla prova sicuramente più impegnativa, conquistarsi il diritto di sfidare il campione del mondo per il titolo.
Ma quale campione? Come è tradizione nella storia degli scacchi, infatti, pare che Carlsen non voglia incontrare Anand, sfidante indicato dalla Federazione Internazionale e già campione del mondo (detronizzato proprio da Carlsen). In molti sono convinti che anche un Carlsen a mezzo servizio possa superare agevolmente l’indiano. Per questo sperano che accetti, in modo da guadagnare tempo in attesa che il fenomeno Caruana si sgonfi. Da parte sua Carlsen è incerto, ufficialmente, per una questione di soldi (troppo basso, a suo dire, il montepremi). Se non dovesse mettere in palio il titolo, la FIDE potrebbe dichiaralo decaduto, com’è accaduto in passato a Fisher e Kasparov. A quel punto il titolo sarebbe una questione tra Anand e il russo Karjakin, secondo al torneo dei candidati. Se Magnus dovesse seguire un copione già scritto, allora è probabile che stizzito cercherà di mettere in palio il suo titolo contro il giocatore più forte in circolazione, magari grazie a qualche magnate disposto a investire tanti soldi sulla sfida. E a quel punto chi potrebbe essere il suo avvesario?
Da martedì 2 settembre il girone di ritorno.
Il sito per seguire l’evento è
 

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.