Trentino Basket Cup 2016, Italia batte anche la Cina 87-58

Messina: “Nelle difficoltà, due palleggi in meno e un passaggio in più. Questo mi lascia ben sperare”. 19 punti per l’MVP Marco Belinelli. Scelti i 16 Azzurri che dal 20 giugno saranno in raduno a Bologna.

Trentino Basket Cup 2016, Italia batte anche la Cina 87-58

Trento – Al PalaTrento l’Italia si è aggiudicata la quinta edizione della Trentino Basket Cup. La formazione allenata dal Commissario Tecnico Ettore Messina ha battuto 87-58 la Cina, formazione già qualificata ai Giochi Olimpici di Rio grazie al successo nella FIBA Asia Championship 2015.

E’ la quarta volta che gli Azzurri alzano il trofeo dopo i successi nel 2012, 2013 e 2014. Per l’Italia 18 vittorie in 19 partite a Trento. Il miglior realizzatore dell’Italia è stato Marco Belinelli (MVP del torneo) con 19 punti; 17 quelli di Danilo Gallinari, 12 per Riccardo Cervi.

“Oggi ho molto apprezzato due cose – ha detto il CT Ettore Messina – che mi danno fiducia per l’immediato futuro: nei momenti di difficoltà siamo riusciti ad uscirne con due palleggi in meno e un passaggio in più facendo muovere molto la palla. Quando la palla si muove veloce le cose funzionano. Quando la palla si ferma nessuna squadra può fare strada. Sono contento anche di aver trovato delle difficoltà: potevamo innervosirci e invece abbiamo avuto pazienza e autocontrollo, due virtù che ci serviranno come il pane. Mi ripeto, è bello vedere la grande disponibilità sia dei più famosi sia dei giovani”.

Il CT Ettore Messina sceglie lo stesso quintetto di partenza della sfida con la Repubblica Ceca: Poeta, Belinelli, Abass, Gallinari e Cusin. Sono i due liberi della guardia di San Giovanni in Persiceto ad aprire il match, poi i cinque punti consecutivi di Danilo Gallinari inducono il coach cinese Gong al primo timeout dell’incontro. L’Italia è concreta in attacco e aggressiva in difesa, il parziale di 18-0 dopo 5’10’’ è la dimostrazione del predominio azzurro. La Cina fatica ad esprimere il proprio gioco e il nervosismo cinese è testimoniato dal tecnico chiamato a Gong a 2’ dalla prima sosta. A fine primo quarto Italia avanti 26-9.

Alza il ritmo la Cina ad avvio di secondo periodo e il parziale di 8-2 dopo 2’ vale il -11 (28-17) per gli asiatici. Gli ospiti stringono le maglie in difesa, trovano maggiore fluidità nella manovra offensiva e tornano sul -7 (35-28), prima della reazione dell’Italia, che con un parziale di 5-0, firmato dai liberi di Hackett e la tripla di Mian, torna avanti di 12 lunghezze (40-28). A metà gara Italia 45, Cina 30.

Maggiore equilibrio ad inizio ripresa con le due squadre che si rispondono colpo su colpo (53-38 al 23esimo). I due canestri consecutivi di Riccardo Cervi riconsegnano il +18 all’Italia (61-43) al 26esimo, poi sul finale di quarto gli Azzurri toccano il +27: 72-45 a 10’ dalla conclusione. Il massimo vantaggio arriva grazie ai due liberi di Luca Vitali (+29, 74-45), gli Azzurri devono solo amministrare nel finale. Finisce 87-58 per l’Italia, che si aggiudica la Trentino Basket Cup per la quarta volta.

Al termine della gara Ettore Messina ha comunicato i 16 giocatori che dal 20 giugno prenderanno parte al raduno di Bologna.
Questi i convocati: Awudu Abass, Pietro Aradori, Andrea Bargnani, Marco Belinelli, Riccardo Cervi, Andrea Cinciarini, Marco Cusin, Luigi Datome, Amedeo Della Valle, Danilo Gallinari, Alessandro Gentile, Daniel Hackett, Nicolò Melli, Giuseppe Poeta, Stefano Tonut e Andrea Zerini.

Italia-Cina 87-58 (26-9, 19-21, 27-15, 15-13)

Italia: Abass 8 (2/4, 1/4), Cournooh (0/1, 0/1), Poeta, Belinelli 19 (4/5 da tre), Vitali L. 2 (0/1 da tre), Gallinari 17 (3/7, 2/4), Mian 6 (0/1, 2/3), Cusin, Cervi 12 (6/6), Zerini 4 (2/2, 0/1), Fontecchio 6 (2/2), Hackett 8 (2/2), Imbrò, Vitali M. (0/1), Pascolo 5 (1/4, 1/1). All. Messina
Tiri Liberi: 21/26 – Rimbalzi: 23 17+6 (Gallinari 6) – Assist: 21 (Belinelli 6)

Cina: Sui (0/1 da tre), Guo 3 (0/3, 1/1), Ding, Zhai 11 (1/2, 1/2), Zhou P. 10 (2/3, 1/6), Li G. 5 (2/4), Li M. 6 (2/3), Zou 2 (1/5), Zhou Q. 6 (3/5, 0/1), Kelanbaike, Wang 15 (6/8). All. Gong
Tiri Liberi: 15/20 – Rimbalzi: 26 17+9 (Wang 6) – Assist: 7 (Guo, Zhai 2) – Cinque Falli: Zhou Q.

L’altra partita
Turchia-Repubblica Ceca 92-65 (22-16, 23-21, 25-15, 22-13)
Turchia: Faruk Asik 6 (3/4), Yagmur 3 (0/1, 1/1), Osman 10 (2/5, 1/2), Goksenin Koksal 8 (1/2, 2/3), Erden 7 (3/6), Mahmutoglu 10 (0/2, 3/5), Savas 3 (1/5), Geyik 10 (2/2, 1/1), Arslan 7 (0/1, 2/3), Balbay 4 (1/1), Batuk 12 (2/2, 2/3), Maxim Mutaf 6 (0/3, 2/3), Sipahi 6 (2/2), Turen (0/2 da tre). All. Ataman
Tiri Liberi: 16/25 – Rimbalzi: 40 32+8 (Erden 7) – Assist: 24 (Balbay 6)
Repubblica Ceca: Benda 6 (3/5, 0/1), Auda 13 (4/8, 1/1), Kyzlink (0/1, 0/2), Hruban 3 (1/4, 0/1), Welsch 2 (1/5, 0/1), Houska 4 (2/3, 0/4), Palyza 11 (1/3, 3/7), Bohacik 2 (1/1, 0/1), Sirina 5 (1/4 da tre), Peterka 11 (1/3, 3/3), Kriz 3 (1/2, 0/2), Pechacek 5 (1/2, 1/2), Svrdlik ne. All. Ginzburg
Tiri Liberi: 6/9 – Rimbalzi: 30 23+7 (Auda, Welsch, Peterka, Kriz 5) – Assist: 22 (Palyza 4)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.