Tricolori Trap e Skeet, bene Grazini, Rossi, Lodde e Bacosi

Tricolori Trap e Skeet, bene Grazini, Rossi, Lodde e Bacosi
Luigi Lodde in azione a Londra

Luigi Lodde in azione a Londra

Si sono svolti domenica 29 settembre i campionati di Tiro a volo Trap e Skeet con il successo, rispettivamente di Jessica Rossi, Valerio Grazini, Agostino Lodde e Diana Bacosi.
Per quanto riguarda la gara di Valerio Grazini nel Trap, entrato in semifinale con il punteggio di 122/123, uno in meno di Simone Lorenzo Prosperi (Fiamme Oro) miglior di giornata con 123, è stato perfetto e con 15/15 ha avuto accesso diretto al gold match nel quale ha affrontato uno dei titani di questa specialità, ovvero il quattro volte Campione del Mondo e tre volte medagliato Olimpico Giovanni Pellielo (Fiamme Azzurre) di Vercelli. Una sfida di alto livello in cui Grazini ha avuto ragione del campionissimo con lo score finale di 14 a 13.
Quando ti trovi in pedana con il migliore non è facile mantenere i nervi saldi – ha dichiarato Grazini – Militando in nazionale ho avuto la fortuna di averlo come compagno di squadra diverse volte, ma tutto cambia quando lo trovi in pedana come avversario. Sono molto contento di questo titolo ed averlo conquistato misurandomi con lui regala allo scudetto qualcosa in più”.
Sul podio con Grazini e Pellielo è salito anche Michele Candilio di Comiziano (NA), bronzo dopo lo scontro diretto con Mauro De Filippis (Fiamme Oro), battuto per 12 a 11.
Passando alla gara femminile, Jessica Rossi ha bissato il titolo conquistato nel 2009 a Cologno al Serio (BG). La Campionessa Olimpica di Londra 2012 è arrivata al tricolore con un percorso un po’ tortuoso. Entrata in semifinale con 69/75, secondo miglio punteggio dopo il buon 72/75 della Campionessa Italiana uscente Federica Caporuscio (Forestale), “super” Jessica ha agguanto il secondo psss per il gold match con uno spareggio. Nel duello per l’oro e l’argento si è dovuta misurare con Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur (SUI) e ne ha avuto ragione con 13 a 12.
Infine, per gli Junior Maschili il nuovo Campione Italiano è Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) di Crispano (NA), che con 13 a 12 ha battuto Luca Miotto (Fiamme Oro) di Ciliverghe (BS) nel gold match. Terzo sul podio Alessio Franquillo di Trevi, migliore in qualificazione con 120/125.
L’ultimo titolo della giornata è stato quello delle Junior Femminili, conquistato da Maria Lucia Palmitessa (Fiamme Oro) di Monopoli (BA), che con un deciso 14 a 11 ha regolato Valeria Raffaelli (Fiamme Oro) di  Morgano (TV), fresca Vice Campionessa del Mondo Juniores. Terza Alessia Iezzi (Forestale) di Manoppello (PE).
Al Tav Conselice (RA) si sono presentati in 120 per conquistare i titoli di Campione Italiano di Skeet 2014, ma solo in sei sono riusciti nell’impresa di cucirsi al petto lo scudetto tricolore.
Per la classifica di Eccellenza il Titolo vola in Sardegna con Luigi Agostino Lodde. Il portacolori dell’Esercito ha aggiunto un altro risultato utile alla sua già ricchissima stagione agonistica. Diplomatosi Campione Europeo lo scorso giugno e Campione del Mondo a Squadre poco più di una settimana fa, il tiratore di Ozieri (SS) si è preso anche il titolo Italiano battendo il poliziotto romano Marco Sablone nel duello conclusivo della gara. Entrato in semifinale grazie ad un buon 123/125 fatto registrare in qualificazione, con 14/16 Lodde ha strappato il secondo biglietto per il gold match. Il primo era già saldamente in mano di Sablone grazie al perfetto 16/16. Nel medal match quest’ultimo è incappato in una bicicletta, in gergo due zeri consecutivi, che ha lasciato al sardo strada libera verso la vetta. Con 15 a 13 l’oro ed il Titolo Italiano sono stati appannaggio di Lodde, mentre l’argento è andato al collo di Sablone.
Sul podio con loro è salito Christian Eleuteri (Forestale) di Cisterna (LT). Il Campione Italiano uscente si è scontrato con Angelo Moscariello (Fiamme Oro) di Montella (AV) nel medal match per il bronzo e lo ha regolato con lo score finale di 15 a 13.
Anche tra le Ladies a salire sul gradino più alto è stata una tiratrice del Gruppo Sportivo dell’Esercito. Dopo essere approdata per due volte ad un podio del Campionato Italiano, grazie ad un argento conquistato nel 2002 a Capua e ad un bronzo centrato nel 2006 a Roma, la toscana Diana Bacosi è finalmente riuscita a scalarne la vetta. Per farlo ha dovuto misurarsi con la giovane Chiara Di Marziantonio (Fiamme Oro) di Cerveteri. Le due sono arrivate al gold match con, rispettivamente, 72 e 70 in qualificazione e due identici 15 in semifinale. A decidere il duello finale ci ha pensato il maggior sangue freddo della tiratrice di Cetona, che ha approfittato delle defaillance della laziale e si è presa il Tricolore con il parziale di 15 a 11.
Anche in questo caso, il bronzo è andato al collo della campionessa uscente. Katiuscia Spada (Fiamme Oro) di Fabro (TR) si è dovuta misurare con la Vice Campionessa del Mondo 2013 Simona Scocchetti (Esercito) di Tarquinia (VT), al quinto mese di gravidanza, e ne ha avuto ragione con il punteggio di 15 a 13.
Il terzo titolo in palio è stato quello del Settore Giovanile. A meritarselo con 120/125 in qualificazione, un perfetto 16/16 in semifinale ed un quasi perfetto 15/16 nel medal match finale è stato Valerio Palmucci (Fiamme Oro) di Fiano Romano. Alle sue spalle Cristian Ciccotti di Roma e Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), rispettivamente argento e bronzo.
Infine, in gara con la vecchia formula che prevede 125 piattelli di qualificazione e 25 di finale, per la Prima categoria il Tricolore è stato conquistato da Michael Palmieri di Ostra (AN), oro con 143/150, per la Seconda da Roberto Bianchi di Perugia, primo con 133/150, e per la Terza da Gianluca Monaco di Stornarella (FG), oro con 128/150 +4 nello spareggio.

Lascia il tuo commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.