Universiade Tiro: argento per Fiammetta Rossi nel Trap

Simone D’Ambrosio sfiora la finale, dominio assoluto degli atleti di Taipei. Nella pista aria compressa quinto posto di Di Martino.

Universiade Tiro: argento per Fiammetta Rossi nel Trap

Durazzano (BN) – Soddisfazione a metà per gli Azzurrini di Trap, nella giornata conclusiva di gare individuali all’Universiade 2019 di Napoli. Se Fiammetta Rossi, studentessa in Giurisprudenza portacolori delle Fiamme Oro, ha conquistato un meritatissimo argento nella finale femminile, Simone D’Ambrosio (Fiamme Oro) ha sfiorato la finale piazzandosi al settimo posto con 118/125. Dominio assoluto degli atleti di Taipei, che hanno conquistato l’oro sia nella finale femminile sia in quella maschile.

Sul campo infuocato del TAV Zaino di Durazzano (BN), la tiratrice di Foligno (PG) ha ottenuto un punteggio totale di con un totale di 35/50, classificandosi alle spalle dell’atleta di Taipei Wan-Yu LIU, che ha conquistato l’oro con 39/50. Terza in classifica la kazaka Sarsenkul Rysbekova con un totale di 26/40. Dopo il doppio oro (individuale e a squadre) conquistato l’anno scorso ai Campionati del Mondo Universitari di Kuala Lumpur in Malesia, la medaglia d’argento di oggi conferma il buon livello di preparazione della Rossi. “È stata una gara impegnativa sia per l’alto livello tecnico delle altre atlete sia per il caldo, su un campo non facile. Voglio ringraziare il Direttore Tecnico Albano Pera, tutta la nostra delegazione, il mio gruppo sportivo delle Fiamme Oro e in particolare Pierluigi Pescosolido, tutti i miei sponsor –  ci ha detto prima di finire travolta dall’affetto del pubblico che ha assistito alla gara –. Domani con il Mixed cercheremo di migliorare e di puntare alla medaglia d’oro”. Duplice soddisfazione per Luciano Rossi, qui nelle vesti di presidente della Federazione Italiana Tiro a Volo e di padre di Fiammetta, che ha premiato le atlete insieme a Ivana Ertlova, Referente del Comitato Tecnico FISU per il Tiro a Segno e il Tiro a Volo,  “Oltre che da padre e da presidente FITAV, sono davvero soddisfatto per la reintroduzione delle discipline del tiro alle Universiadi – ha commentato – Questo conferma la validità dell’operato mio, della Federazione che ho l’onore di rappresentare e della FISU affinché questa disciplina sportiva abbia il ruolo che merita, oggi e domani”.

Abbattuto per la prestazione di venerdì, ma assolutamente determinato a sfoderare gli artigli domani nella gara di Mixed Team Simone D’Ambrosio. Studente di Giurisprudenza e rappresentante delle Fiamme Oro come la Rossi, il tiratore di Crispano (NA) ha aperto la giornata con un perfetto 25, seguito da un 23/25 che lo ha piazzato al settimo posto nella classifica generale con un totale di 118/125.

“Purtroppo questa gara non è andata come speravo, ho totalizzato 118/125, ma con un piattello in più avrei fatto lo shoot-off e con due sarei entrato diretto in finale. Sono molto amareggiato perché ci tenevo molto a salire sul podio dell’Universiade, una gara per me molto importante alla quale speravo già dall’anno scorso di partecipare: infatti, appena mi è arrivata la convocazione, mi sono allenato tutti i giorni sia sul campo da tiro, sia fisicamente in pista, per poterla vincere. Posso dire però che non ho trascurato nulla, ci ho messo il massimo impegno, ho sofferto in pedana fino all’ultimo piattello come giusto che sia e sono consapevole che le sconfitte servono per imparare e per diventare più forti di prima. Quindi adesso non posso fare altro che concentrarmi per il Mixed Team di domani, insieme alla mia compagna di squadra Fiammetta Rossi. Vorrei Ringraziare il Ct Universitario Daniele Lucidi per essermi stato vicino durante ogni serie” – ha commentato poco dopo la gara. Gli fa eco proprio il Tecnico Federale Lucidi (Carabinieri): “Sono contento per Fiammetta perché ha dimostrato di essere sempre all’altezza della situazione, dopo lo scorso oro mondiale in Malesia si è riconfermata qui con un argento. Peccato per Simone che giocava in casa ma purtroppo questo sport qualche volta ci fa stare male, ma sicuramente anche in questa gara avrà sicuramente incamerato qualcosa di positivo ed un’esperienza in più da mettere da parte. Domani ci giochiamo il tutto per il Mixed Team e i nostri ragazzi si devono subito ricaricare questa sera… Ci faremo trovare pronti!” – ci ha detto ancora sul campo.

La finale di Fossa Olimpica maschile ha visto salire sul gradino più alto del podio Kun-Pi YANG(TPE) con45/50. Argento per lo sloveno Filip MARINOV con 44/50 e bronzo l’altro sloveno Adrian DROBNYcon un totale di 35/40. Il sindaco di Durazzano Alessandro Crisci e Mohamed Wahdan, Delegato Tecnico ISSF per lo shotgun hanno premiato i vincitori

RISULTATI

Trap Femminile:

1^ Liu WAN-YU (TPE)  39/50; 2^ Fiammetta ROSSI ((ITA) 35/50; 3^ Sarsenkul RYSBEKOVA (KAZ) 26/40; 4^ Crist PASTOR BELTRAN (ESP) 22/35; 5^ Bhavna CHAUDHARY (IND) 17/30.

Trap Maschile:

1^ Kun-Pi YANG(TPE)45/50; 2^ Filip MARINOV (SVK) 44/50; 3^ Adrian DROBNY (SVK) 35/40; 4^ Aitor TIRADO CARMONA (ESP) 30/35; 5^ Viktor VERETIN (RUS) 25/30; 6^ Vili KOPRA (FIN) 20/25.

TIRO A SEGNO: QUINTO DI MARTINO NELLA PISTOLA ARIA COMPRESSA – Seconda giornata di gare a Napoli. Sono scesi sulle linee di tiro gli atleti di pistola ad aria compressa maschile. In rappresentanza degli azzurri il partenopeo Dario di Martino (Carabinieri) da sempre fra i migliori in questa specialità dove nel corso degli anni ha collezionato moltissimi titoli tra cui un argento mondiale conquistato a Granada 2014 e un oro agli europei di Odense nel 2013, entrambi nella categoria juniores. Nella mattina Dario ha superato senza difficoltà la fase di qualificazione chiudendo all’ottavo posto (573). In finale, a causa di qualche colpo impreciso, ha dovuto accontentarsi del quinto posto. La competizione è stata vinta dal coreano Daehun Park (243.8) che ha stabilito anche il record universitario di finale. In seconda posizone si è piazzato il cinese Bowen Zhang (238.5) davanti al terzo classificato Sajad Lafmejani Poorhosseini.

Guarda la classifica di pistola 10 metri uomini

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.