Universiadi Rugby a 7: sfuma il sogno medaglie per l’Italia

Ragazzi eliminati per differenza punti e ragazze fuori senza riuscire a conquistare una vittoria: svanisce così in questa edizione il sogno di una medaglia per l’Italia del rugby seven alle Olimpiadi degli Universitari.

Universiadi Rugby a 7: sfuma il sogno medaglie per l’Italia

Napoli – Epilogo amaro per l’avventura delle Nazionali alle Universiadi del Rugby a 7. Ragazzi eliminati per differenza punti e ragazze fuori senza riuscire a conquistare una vittoria: svanisce così in questa edizione il sogno di una medaglia per l’Italia del rugby seven alle Olimpiadi degli Universitari.

Inizia in salita la giornata per le ragazze che restano ferme al palo contro la Francia. Netto il punteggio al termine della partita, che testimonia una gara in cui il possesso è stato quasi completamente a disposizione delle transalpine. Le universitarie francesi riservano in Castel e Arbez le frecce d’attacco determinanti sin dalle prime battute, segnando così l’andatura del match che termina sul 35-0.

Alle 10 in campo l’ultima sfida per gli uomini: capitan Zini e colleghi calcano il sintetico di Bagnoli con la consapevolezza di non poter fallire. I primi minuti scorrono nervosi con numerose interruzioni finché al primo reale affondo nei 22 avversi gli Azzurri vanno in meta con Dal Zilio. Nella ripresa il Canada mostra maggiore compattezza sui punti d’incontro ed al 2’ Martani viene spedito al Sin Bin. I nordamericani sfruttano la superiorità numerica provvisoria per accorciare le distanze, ma non passa nemmeno un minuto che Gubana porta a due le marcature italiane entusiasmando gli oltre trecento presenti sulle tribune del Villaggio del Rugby. Negli ultimi giri di lancette il Canada è sulle gambe e tenta di avanzare scegliendo come soluzione primaria d’attacco le touche, ma il provvisorio 12-5 diviene definitivo tra l’entusiasmo generale. Purtroppo per la delegazione italiana, la sfida successiva tra Francia e Giappone termina con un sofferto successo transalpino che porta in parità in vetta l’Italia, il Giappone e la stessa Francia. Azzurri fuori in quanto terzi per peggior differenza punti.

“Sensazione strana: felici per le due vittorie, ma amareggiati per il mancato passaggio” – dichiara a caldo coach Andy Vilk – “Per fortuna questo torneo fa parte di un lungo percorso che stiamo affrontando come movimento seven in quanto siamo arrivati a Napoli lavorando negli scorsi mesi su due gruppi diversi ma con giocatori eleggibili per le Universiadi in entrambi. Per il nostro futuro siamo fiduciosi perché in queste settimane sono emersi ragazzi del ’99 e del Duemila, e come movimento continueremo a lavorare per crescere”. Chiude poi il tecnico italiano con una riflessione tecnica sulle Universiadi: “Il seven aiuta a promuovere il rugby in generale, ed il comitato organizzatore di Napoli 2019 ha effettuato una scelta acuta nell’inserire il rugby seven tra gli sport opzionali: personalmente credo che debba essere sempre giocato in tutte le edizioni delle Universiadi per l’atmosfera positiva che genera nel pubblico e negli atleti stessi”.

La giornata termina con la sfida conclusiva delle ragazze che vengono superate dal Giappone. Le linee alte di difesa delle nipponiche sono state aggressive per l’intera durata della gara, mettendo in difficoltà il possesso azzurro. Nonostante tutto Franco e compagne vanno in meta per tre volte, ma le orientali sono più toniche e rispondono colpo su colpo ai tentativi offensivi italici, portando a chiudere le ostilità sul 17-36.

Il bilancio di fine torneo di coach Diego Saccà: “L’obiettivo era sperimentare, costruire e giocare più possibile confrontandoci con realtà diverse. L’abbiamo fatto ed anche bene dato che sono state viste all’opera ragazze nuove per il gruppo ordinario, ed in questo luglio in cui abbiamo quattro tornei programmati in giro per l’Europa direi che stiamo procedendo a buon ritmo nel programma di lavoro impostato precedentemente. Da salvare sicuramente l’atteggiamento propositivo delle ragazze, che nonostante i risultati negativi hanno sempre continuato a giocare e segnare. Ci sono sicuramente tante cose da sistemare ma lo faremo soltanto lavorando nel tempo”.

RISULTATI DI SABATO 6 LUGLIO

(W) Francia v Italia = 35 – 0
(M) Italia v Canada = 12 – 5
(W) Giappone v Italia = 36 – 17

CLASSIFICA FINALE MASCHILE – GRUPPO B

1 – Giappone 7 pt
2 – Francia 7 pt
3 – Canada 5 pt
4 – Italia 3 pt

CLASSIFICA FINALE FEMMINILE – GRUPPO A

1 – Giappone 9 pt
2 – Francia 7 pt
3 – Italia 7 pt
4 – Canada 3 pt

Torneo Rugby a 7: tabellini e risultati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.