World Cup Ginnastica Ritmica, a Pesaro le Farfalle volano alto

World Cup Ginnastica Ritmica, a Pesaro le Farfalle volano alto
Farfalle Azzurre, Ginnastica Ritmica, World Cup Pesaro

Le farfalle in azione a Pesaro 2014

Si è conclusa con un trionfo per le Farfalle azzurre la 6^ edizione della tappa di Pesaro della World Cup ginnastica ritmica. La squadra di Emanuela Maccarani (le aviere dell’Aeronautica Militare Marta Pagnini e Andreaa Stefanescu, con le compagne Camilla Bini e Valeria Schiavi dell’Aurora Fano, Sofia Lodi della Brixia Brescia e Camilla Patriarca della San Giorgio Desio ‘79) infatti conquista l’oro sia nella finale alle clavette (17,550) che in quella alle 3 palle e 2 nastri (17,400).
Le italiane bissano così la tripletta dorata del 2013 confermando la tappa di Pesaro come proprio portafortuna. Le temibili avversarie della Bielorussia conquistano una medaglia d’argento nella finale alle 10 clavette con un punteggio di 17,250, scivolando invece in quinta posizione nella finale di palle e nastri con una valutazione di 16,800.
La squadra israeliana continua a crescere in ogni competizione che affronta, e si prende la soddisfazione di portarsi a casa una medaglia di bronzo nella finale alle clavette (17,200 punti) e un argento in quella a nastri e palle (17,250).
In questa finale assistiamo anche all’ascesa di un insolito Giappone, che con 17,200 punti ottiene il bronzo, lasciandosi alle spalle una Bulgaria piuttosto diversa rispetto a quella vista nelle giornate precedenti. Oggi infatti deve accontentarsi della medaglia di legno alle 3 palle e 2 nastri (quarta classificata con 17,050) mentre nella finale delle 10 clavette finisce addirittura in penultima posizione con 16,650 e una penalità di 0,30.
Questo risultato ci farà affrontare con ancora maggior serenità il percorso di avvicinamento agli Europei di Baku, in programma a metà giugno – ha commentato l’allenatrice Emanuela Maccarani –. Ora riprendiamo gli allenamenti con grande concentrazione in vista anche delle Olimpiadi di Rio 2016. Il nuovo esercizio? Ci siamo lanciate su uno stile più moderno e le ragazze, che sono tutte giovanissime, lo sentono molto loro. E lo interpretano bene. Non abbiamo mai lavorato tanto come quest’anno ma i risultati iniziano a vedersi”.
“In pochi anni sono passata dall’essere la più giovane della squadra a diventarne il capitano: una bellissima emozione – commenta la toscana Marta Pagnini –. Voglio bene a tutte le mie compagne di squadra e spero di poter essere loro d’aiuto, grazie all’esperienza maturata anche alle Olimpiadi di Londra 2012.
Il 1° maggio la Pagnini e compagne affronteranno al PalaDesio le campionesse olimpiche e la Svizzera, in un triangolare pre-europeo da non perdere.
Sul fronte delle individualiste la russa Kudryavtseva sembra non voler lasciare nulla avversarie: si aggiudica infatti l’oro in tutte le finali, mentre le altre posizioni del podio vedono alternarsi le sue connazionali russe, l’ucraina Rizatdinova e la coreana Yeon Jae Son. La nostra Veronica Bertolini partecipa alla finale della palla, in quanto il regolamento della World Cup consente l’inserimento in una finale di una ginnasta del paese ospitante, ed ottiene il nono posto con 15,750.
Le junior italiane concludono l’ottima prestazione pesarese con un terzo posto alla palla per Letizia Cicconcelli, due sesti posti, uno al cerchio per Ginevra Fiore Parrini e uno al nastro sempre per Letizia Cicconcelli, e un settimo posto alle clavette per Arianna Malavasi.
Sara Sangalli

classifica a squadre
classifiche individuali Coppa del Mondo
classifiche individuali juniores

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.