World Cup Ritmica, il programma della tappa di Pesaro

La tappa di Aprile della World Cup all'Adriatic Arena è diventata ormai una tradizione che rende orgogliosi del lavoro svolto dal movimento della ginnastica ritmica italiana

World Cup Ritmica, il programma della tappa di Pesaro

Ormai possiamo definire la tappa di Aprile della World Cup una tradizione che ci rende orgogliosi del lavoro svolto dal movimento della ginnastica ritmica italiana, che porterà nel palazzetto di Pesaro, la splendida Adriatic Arena, ben 46 nazioni a contendersi un titolo prestigioso, in vista soprattutto delle Olimpiadi estive.

Il programma della gara prevede l’apertura della kermesse con l’ottavo Torneo Internazionale della Città di Pesaro, riservato all ginnaste junior, che scalderanno il pubblico con l’esibizioni a fune e cerchio a partire dalle 9 del mattino del 1 aprile.
Per l’Italia saranno presenti al torneo ben 3 Team, il primo composto da Caterina Allovio (Armonia d’Abruzzo), Milena Baldassarri (Ginnastica Fabriano) e Alexandra Agiurgiuculese (Ginnastica Udinese), il secondo da Egizia Bergesio (Motto Viareggio), Sofia Bevilacqua (Aurora Fano), Martina Brambilla (San Giorgio ’79) e Daniela Mogurean (Ardor Padova), il terzo da Anna Basta (Polisportiva Pontevecchio), Chiara Ferri (San Giorgio ’79), Lara Paolini (Armonia d’Abruzzo) e Francesca Pellegrini (Motto Viareggio). Le azzurrine saranno accompagnate dalle allenatrici Annalisa Bentivogli, Donatella Lazzeri, Magda Pigano, Letizia Rossi e Sandra Veronese.

Nel primo pomeriggio sarà l’ora della gara di World Cup. Dalle h 15:45 sfileranno sulla pedana pesarese le migliori ginnaste individualiste, alle prese con cerchio e palla fino alle 20:45.
Il pubblico presente avrà l’opportunità di godere delle esibizioni dei “pesi massimi” della ritmica, come ad esempio le bielorusse Katsiaryna Halkina e Melitina Staniouta, la francese Kseniya Moustafaeva, la georgiana Salome Pazhava, la greca Varvara Filou, le ucraine Ganna Rizatdinova e Viktoriia Mazur, concludendo con le sempre favorite russe, presenti sia nella competizione individuale con Yana Kudryavtseva, Margarita Mamun e Aleksandra Soldatova, sia in quella di squadra.
La delegazione italiana naturalmente è più nutrita che mai, le individualiste azzurre schierate sono agguerrite e pronte a per la sfida:
– Veronica Bertolini (San Giorgio ’79), che ha già dimostrato una tenuta di gara promettente con la 5ª posizione al cerchio nella Coppa del Mondo di Lisbona del 20 marzo;
– Alessia Russo (Armonia d’Abruzzo), un’altra promessa da mantenere dopo il 20° posto nelle migliori 24 al Mondo della World Cup portoghese;
– Carmen Crescenzi (Armonia D’Abruzzo);
– Letizia Cicconcelli (Ginnastica Fabriano), fresca del bronzo nel concorso generale del Grand Prix di Mosca “Alina Cup” del 19 febbraio.
Le tecniche che accompagneranno le ginnaste individualiste sono Germana Germani, Julieta Cantaluppi, Francesca Frassinelli e Chiara Marelli, mentre Elena Aliprandi, allenatrice di Veronica Bertolini, vestirà i panni di ufficiale di gara.

Terminati i primi gironi della gara per le individualiste, alle 21:00 le luci del palazzetto si accendono per l’esibizione ai 5 nastri delle squadre. Per l’Italia Emanuela Maccarani ha definito questa formazione: Marta Pagnini, Camilla Patriarca, Andreea Stefanescu, Alessia Maurelli (Aeronautica Militare), Sofia Lodi (Brixia Brescia) e Martina Centofanti (Ginnastica Fabriano).
Il team italiano deve riscattare la prima uscita della stagione a Lisbona, dove purtroppo le leonesse azzurre hanno ottenuto delle posizioni in classifica non lusinghiere, soprattutto a causa di errori dovuti alla novità e alle numerose difficoltà presenti nella nuova routine dei nastri. Per le ragazze italiane l’obiettivo principale sarà quello di consolidare la prestazione, mentre ci auguriamo che l’obiettivo del caloroso pubblico sarà quello di far crollare gli spalti dell’Adriatic Arena a causa del tifo scatenato, che ormai è diventato una caratteristica nota di questa tappa di World Cup.

La competizione riprenderà sabato mattina con le ginnaste Junior impegnate alle clavette e alla palla,
concludendo con la cerimonia di premiazione l’8° torneo internazionale “Cittá di Pesaro”. Nel pomeriggio si alterneranno le esibizioni a nastro e clavette delle Senior individualiste con quelle agli attrezzi misti clavette e cerchi delle squadre, terminando anche in questo caso con la cerimonia di premiazione serale del concorso generale.

Domenica sarà invece la giornata dedicata alle finali di specialità, alle quali accederanno le migliori otto ginnaste per attrezzo.

Sara Sangalli

programma

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.