Hockey prato: Italidonne vola in semifinale di World League

Hockey prato: Italidonne vola in semifinale di World League
Hockey prato femminile, World League

Il gruppo azzurro impegnato nella seconda fase di World League e che ha conquistato l’accesso alle semifinali

La nazionale italiana femminile di hockey su prato chiude al primo posto il Round 2 della World League di Montevideo. Le azzurre ottengono il prestigioso traguardo battendo nettamente 4-0 in finale l’Uruguay padrone di casa, al termine di una partita che ha consumato anche l’evidente rivincita della gara d’esordio, nella quale le nostre, pur primeggiando, non erano riuscite ad andare oltre il pari (2-2) contro le sudamericane, sorpresa in positivo di questo torneo. Da allora l’Italdonne di Fernando Ferrara, impegnata nel progetto residenziale “Road to Rio” sostenuto da FIH e CONI, ha mietuto gol e successi in serie: cinque le vittorie consecutive (Messico, Repubblica Dominicana, Trinidad & Tobago, Azerbaijan e Uruguay stasera), segnando complessivamente 21 reti, senza subire gol (dato forse anche più importante) in queste cinque gare, con la porta di Martina Chirico inviolata da 316 minuti consecutivi. A segno stasera  Giuliana Ruggieri, Marcela Casale, Agata Wybieralska e capitan Chiara Tiddi; soddisfazione personale (e di squadra) per Ruggieri, miglior marcatrice con 7 reti nell’intero Round. Con il primo posto di stanotte l’Italia ottiene anche preziosi punti per il ranking mondiale (attualmente è 17esima) ma soprattutto accede alla fase successiva della competizione, le semifinali (Round 3), utili pure (per la prima volta nella disciplina dell’hockey su prato) ad assegnare gli ambiti tagliandi per i Giochi Olimpici di Rio 2016. L’Italia vince il Round di Montevideo in maniera chiara e autorevole, da favorita quale era alla vigilia. Ma se c’è una cosa difficile nello sport è rispettare i pronostici: lo dimostrarono proprio le azzurre, nella passata edizione della World League, quando vinsero (anche allora) il Round 2 di Valencia al quale partecipavano come terza forza in base al ranking. Fernando Ferrara e il suo staff ottengono un risultato che conferma la maturità e la crescita del roster azzurro, impegnato in tutte le sue 18 componenti nell’arco dell’intera competizione: una grande (e forte) Italia. Che punta, convinta e concreta, ad andare a Rio.

L’Italdonne sta facendo rientro in Italia: staff e azzurre saranno a Roma nella mattinata di domani, martedì 24 febbraio. Dopo alcuni giorni, dal 9 marzo le azzurre si ritroveranno al CPO Acqua Acetosa per riprendere la preparazione residenziale (“Road to Rio” e prepararsi al meglio per il più importante appuntamento del quadriennio: il Round 3 di giugno che, al netto dell’ufficialità nella comunicazione della sede, si disputerà in Belgio.

Italia-Uruguay: 4-0

Italia: Chirico (p), Traverso, De Guio, Braconi, Ronsisvalli, Mirabella, Lovagnini, Tiddi (c), Wybieralska, Ruggieri, M. Casale. Entrate: Di Mauro (10’), Garraffo (10’), Lecchini (10’), Aguirre (26’), Nogueira (39’), Donati (58’). In panchina: S. Casale. Allenatore: Fernando Ferrara.

Uruguay: Paselle Decia (p), Vilar Del Valle, Barrendeguy, Stanley, Olave, Norbis, Coates, Mora (c), Laborde,  Nieto, Kempner. Entrate: Villar (9’), Kliche (11’), Lamberti  (11’), Campos (22’), Taborda (38’), Dall’Orso (45’). In panchina: Beares (p). Allenatore: Gonzalo Ferrer.

Marcatrici: Ruggieri al 17’, M. Casale al 32’, Wybieralska al 37’ (corto), Tiddi al 47’ (corto).

Cartellini: verde a De Guio (ITA) al 19’

Arbitri: Sanchez (Arg) e Giddens (USA)

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.