World Rugby U20 Championship, l’Italia batte la Scozia e resta nell’élite

Con il successo 26-19 contro i pari età scozzesi la Nazionale di Roselli evita di dover lottare per non retrocedere

World Rugby U20 Championship, l’Italia batte la Scozia e resta nell’élite

Rosario – L’Italia U20 batte 26-19 i pari età della Scozia conquistando la permanenza nel girone élite internazionale giovanile ed evita, soprattutto, il rischio di una retrocessione che sarebbe stata una sconfitta per tutto il movimento. A Rosario gli Azzurrini si aggiudicano la semifinale valida per il nono posto al World Rugby U20 Championship in un match controllato per lunghi tratti.

Adesso se la dovrà vedere contro la Georgia per cercare di conquistare un nono posto che rappresenta un passo indietro rispetto a quanto fatto negli ultimi anni. In qualche modo è destino che la formazione caucasica rappresenti il nostro antagonista principale, a tutti i livelli, in ambito internazionale. La Georgia minaccia la nostra presenza nel 6 Nazioni, ci ha superato nel ranking assoluto e potrebbe anche metterci in difficoltà tra gli U20. Un’eventuale sua vittoria ci relegherebbe al 10° posto: due posizioni più in basso rispetto al 2018.

Per quanto riguarda la lotta di vertice, il mondiale vivrà sulla sfida tra la Francia, campionessa uscente, e l’Australia, che in semifinale si è sbarazzata abbastanza nettamente dell’Argentina. Nel club delle “4” entra anche il Sud Africa, sconfitto dai francesi, questi ultimi unici rappresentanti dell’emisfero boreale. Parziale delusione per quanto riguarda la Nuova Zelanda, che se la vedrà con l’Irlanda per il 7°/8° posto. I “verdi” tornano” ai vertici dopo la debacle dello scorso anno, a conferma che un movimento sano è in grado sempre di recuperare nello spazio di pochi mesi. Buio profondo, invece, per la Scozia, che contro Fiji si giocherà la permanenza nel gruppo élite. Un’eventuale sconfitta sarebbe una catastrofe.

LA CRONACA – Nelle prime battute di gioco l’imprecisione in fase offensiva costa cara alla squadra di Roselli che non riesce a sbloccare il risultato e al 17’ subisce la prima meta del match con Ashman che finalizza una maul sul lato mancino d’attacco della Scozia. La trasformazione di Thompson porta i suoi sul 7-0. L’Italia rialza subito la testa e al 25’ trova il pareggio con Trulla che sfrutta al meglio la sua velocità per superare due avversari e andare in meta in solitaria in mezzo ai pali. La trasformazione di Garbisi vale il momentaneo 7-7. Passano dieci minuti e arriva il primo vantaggio degli Azzurrini nel match con Mastandrea per la meta del sorpasso in mezzo ai pali scozzesi. Garbisi trasforma nuovamente spostando il risultato sul 7-14. Dopo una sospensione di circa un’ora a causa delle avverse condizioni climatiche, gli Azzurrini al rientro in campo trovano la terza meta della propria partita con Mazza che finalizza una mischia a ridosso della linea di meta. Garbisi non trasforma e si va all’intervallo sul 7-19.

Inizio arrembante della ripresa per l’Italia che tra fango e pioggia alza il ritmo di gioco chiudendo la Scozia in difesa. La squadra di Fabio Roselli ha il pallino del gioco saldamente in mano e al 62’ con un’azione personale di Garbisi arriva la meta del bonus offensivo con lo stesso numero 10 italiano che trasforma per il momentaneo 7-26. La Scozia prova a riaprire il match attaccando a testa bassa, ma l’Italia difende bene il risultato dalle continue offensive scozzesi. Nel finale l’inferiorità numerica causata dal giallo rimediato da Koffi al 76’ viene sfruttata dagli avversari con Ashman che trova una meta fotocopia di quella realizzata nel primo tempo che, con la trasformazione di Thompson, sposta il risultato sul 14-26. Gli Scozzesi non demordono e un minuto più tardi vanno nuovamente in meta con Blain che sfrutta la sua corsa per sorprendere la difesa Azzurra portando il XV di Hogg sul 19-26. L’ultimo possesso scozzese non viene sfruttato e gli Azzurrini conquistano la vittoria e contestualmente la permanenza nell’élite internazionale giovanile.

Scozia U20 v Italia U20 19-26 (7-19)

Marcatori: p.t. 17’ m. Ashman tr. Thompson (7-0); 25’ m. Trulla tr. Garbisi (7-7); 34’ m. Mastandrea tr. Garbisi (7-14); 39’ m. Mazza (7-19); s.t. 62’ m. Garbisi tr. Garbisi (7-26); 78’ m. Ashman tr. Thompson (14-26); 79’ m. Blain (19-26)

Scozia U20: Anderson (55’ Davidson); Macpherson, McMihael, McCallum, Blain; Thompson, Frostwick; Marshall, Boyle (cap.) (63’ Leatherbarrow), Sykes (58’ Van Niekerk); Henderson, Johnson; McLaren (63’ Hurd), Ashman, Walker (75’ Nimmo)

A disposizione non entrati: Jackson, Wilson, Bundy, Hill, Scott, , Chamberlain, Smith

All. Hogg

Italia U20: Trulla; Mastandrea, Moscardi (67’ Mori), Mazza, Lai (60’ Capuozzo); Garbisi, Fusco (70’ Citton); Finotto, Ruggeri (cap), Chianucci (54’ Koffi); Zambonin, Stoian (50’ Parolo); Alongi (50’ Nocera), Marinello (52’ Taddia), Drudi (54’ Franceschetto)

A disposizione non entrati: Michelini, Maurizi, Da Re, Bertaccini, Mba

All. Roselli

Arb. Damon Murphy (Australia)

Cartellini: al 76’ giallo a Koffi (Italia U20)

Calciatori: Thompson (Scozia U20) 2/3, Garbisi (Italia U20) 3/4

Note: Campo pesante, partita sospesa sul finale del primo tempo a causa delle avverse condizioni climatiche.

Punti conquistati in classifica: Scozia U20 1; Italia U20 5

Abbonati qui a Express VPN, aiuti a finanziare Sport24h.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.