WSB: i Thunder volano a Cardiff per l’incontro con temibili British Lionhearts

WSB: i Thunder volano a Cardiff per l’incontro con temibili British Lionhearts

Dolce & Gabbana Italia Thunder

Se quella con le Aquile tedesche doveva essere una passeggiata (e così non è stata), l’incontro che attende i Dolce & Gabbana Italia Thunder in trasferta a Cardiff ha il sapore di un’impresa (quasi) impossibile. Il quasi è d’obbligo, visto che il Team italiano diretto da Francesco Damiani è il campione in carica e solo per questo merita credito anche quando si trova ad affrontare un avversario temibile come i British Lionhearts, che nella prima giornata ha battuto in trasferta gli Usa Knockouts con un eloquente 4-1.
La formazione inglese, che ha scelto come teatro della sfida il Celtic Manor Resort (ore 20 e diretta su Sky Sport 3, ore 21 in Italia) è il concentrato della migliore tradizione pugilistica britannica, irlandese in particolare. Ad affrontare i Thunder infatti sono chiamati tre dei migliori talenti della verde isola in circolazione, primo fra tutti quel John Joe Nevin, fenomenale irlandese con un curriculum che vanta due bronzi mondiali, due partecipazioni olimpiche e una medaglia d’argento agli ultimi Giochi di Londra.
Francesco Damiani e il suo staff tecnico hanno scelto cinque atleti che coniugano esperienza e giovanile esuberanza e che partono pronti a dare battaglia e spettacolo.
Il match per la categoria dei gallo, vedrà protagonista il professionista Daniele Limone (il primo pro a boxare per i Thunder), 28enne dalla notevole altezza e dalle lunghe leve. Il suo score parla di dieci vittorie e una sola sconfitta. Incontra un avversario affermato come Andrew Selby, anche lui esordiente nelle WSB, campione europeo e argento mondiale 2011 e reduce dai Giochi Olimpici dove ha combattuto nella categoria inferiore, quella dei pesi mosca.
Nel secondo incontro compito difficile per il serbo Branimir Stankovic (pesi leggeri). Dovrà incrociare i guantoni con una star del calibro di John Joe Nevin, che ha già incontrato la scorsa edizione, perdendo ai punti.
Forse ancora più proibitivo il compito per Michel Tavares, mancino francese, due anni nei Paris United, che si troverà di fronte, nel terzo match della serata, l’altra punta di diamante dei British Lionhearts: Freddie Evans, argento alle Olimpiadi e beniamino di casa. Un gallese duro e generoso che non concederà neanche un centimetro.
Nei pesi mediomassimi, Francesco Damiani schiera per questa trasferta l’ungherese Imre Szello, uomo di sicuro affidamento che oltre a un bronzo europeo ha raggiunto i quarti di finale ai Mondiali e alle Olimpiadi 2008. Szello la sfida parrebbe sulla carta non impossibile contro affronterà il pugile Irlandese Joe Ward, esordiente nelle WSB, ma campione europeo in carica.
Grande attesa e curiosità per il match finale, categoria supermassimi, che vedrà contrapposti Matteo Modugno (esordio in WSB) e il marocchino Mohammed Arjaoui. Modugno è uno dei migliori talenti in circolazione, dotato di un fisico possente (2 metri di altezza per 120 chili di peso, qualcosa alla Carnera), di Langhirano e imbattuto da professionista con 12 incontri all’attivo. Se si dovesse arrivare all’ultimo match in parità, come accaduto sabato scorso a Milano, allora la partita si potrebbe portare a casa.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.