WSB: I Thunders liquidano gli Ussari, in semifinale li attendono gli Otamans

WSB: I Thunders liquidano gli Ussari, in semifinale li attendono gli Otamans
WSB Modugno in azione nell'incontro di Campione d'Italia

WSB Modugno in azione nell’incontro di Campione d’Italia

I Dolce & Gabbana Italia Thunder liquidano la pratica polacca a Campione d’Italia, superando gli Hussars per 4-1, lo stesso punteggio dell’andata e volano in semifinale delle WSB 2013. Ad attenderli gli Ukraine Otamans che hanno eliminato a sorpresa gli Azerbaijian Baku Fire. A questo punto il passaggio in finale è più vicino, visto che la formazione diretta da Damiani ha già incontrato, e battuto, gli Ucraini. Tornare il finale per difendere il titolo conquistato lo scorso anno è l’obiettivo minimo della formazione italiana che a questo punto può iniziare a ragione concretamente in una riconferma.
Gli incontri di andata delle Semifinali si terranno venerdì 12 aprile ancora nella prestigiosa cornice del Casinò di Campione d’Italia, mentre gli incontri di ritorno a Kiev si terranno venerdì 19 aprile.
Bisogna dire che la serata di Campione d’Italia ha regalato poche emozioni dal punto di vista del risultato, ma tanto spettacolo. A cominciare dal primo incontro, quello tra il calabrese Riccardo D’Andrea e il giovane polacco Dawid Paul Michelus. D’Andrea inizia titubante e va sotto nelle prime due riprese, nella terza inizia la rimonta, culminata nel quinto round con uno scontro all’arma bianca e un verdetto unanime.
Riccardo D’Andrea – Dawid Pawel Michelus 3-0 – 48-47; 48-47; 48-47

Manca un punto per assicurarsi il passaggio, e ci pensa Domenico “Mirko” Valentino contro il polacco Damian Wrzesinski, uomo dalla non eccelsa esperienza internazionale. Il portacolori di Dolce & Gabbana Italia Thunder è bravo a leggere subito il match, comprendendo la boxe di Wrzesinski. Gli prende le misure già alla fine della prima ripresa e non c’è più storia.
Domenico Valentino – Damian Wrzesinski 3-0 – 40-36; 40-36; 39-37

Nei pesi medi è all’esordio il professionista umbro Valter Fiorucci, che cerca una prova di carattere. Il suo avversario è il polacco Ireneusz Zakrzewski, atleta molto giovane e con modesta esperienza internazionale. Fiorucci inizia il match con grande ardore, ma è spesso sorpreso dal sinistro dell’avversario, più ordinato e preciso. Il pugile italiano tiene il centro del ring e studia per lunghe fasi il momento più opportuno per attaccare, ma il sinistro di Zakrzewski lo mette sempre in seria difficoltà regalando così l’unico punto agli Ussari.
Valter Fiorucci – Ireneusz Zakrzewski 0-3 – 46-49; 46-49; 46-49

Nei pesi mediomassimi tocca all’unico non italiano della squadra, il lituano Vitaljius Subacius contro l’ucraino Serhiy Radchenko. All’inizio è Radchenko a tenere il centro del ring e a pressare maggiormente, Subacius cerca l’azione decisa, ma l’avversario è pronto d’anticipo. Nel terzo round la potenza di Subacius diventa protagonista, con un doppio destro che piega le gambe all’ucraino, costretto al conteggio. Subacius rimette così in parità il match sui cartellini dei giudici, Radchenko pare aver recuperato bene e tocca il rivale ma il pugile di Dolce & Gabbana Italia Thunder esce meglio da ogni corpo a corpo, con più determinazione e con maggiore precisione nel penultimo round. Anche la quinta ripresa è fatta di grandi scontri fisici, in cui ogni colpo può essere quello decisivo. Si va alla lettura dei cartellini, per tutti i giudici prevale Subacius.
Vitalijus Subacius – Serhiy Radchenko 3-0 – 48-46; 48-46; 48-46

Nei pesi massimi è al quinto appuntamento stagionale Matteo Modugno, cerca la quarta affermazione delle WSB contro il polacco Michal Cieslak, esordiente in stagione. L’italiano può vantare oltre trenta chili in più dell’avversario e in fatto di potenza la cosa si avverte, ma Cieslak non dà mai punti di riferimento e Modugno deve muoversi molto per colpire, anzi è spesso sorpreso dal polacco. Nel secondo round Modugno è più determinato e il match si infiamma, sebbene Cieslak dimostri che riesce a tenere bene non solo i colpi, ma anche a replicare con velocità e precisione. Nel terzo round Cieslak va in chiara difficoltà. Il pugile polacco è ormai chiaramente in balia dei colpi dell’italiano anche nella quarta ripresa, ma va avanti e cerca la replica con grande coraggio. Nel quinto round Modugno vuole vincere prima del limite e la faccia di Cieslak diventa un bersaglio fisso. Una vittoria ai punto decisamente chiara e importante per Modugno.
Matteo Modugno – Michal Cieslak 3-0 – 49-46; 49-46; 49-46

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.