ROMA – Nell’anno del boom delle videocall, anche i regali arrivano in cam! La Federazione Italiana Scherma e Kinder “Joy of Moving” hanno infatti pensato di regalare una sorpresa unica ed emozionante ad alcuni dei piccoli campioni della scherma italiana.

Con la complicità di maestri e genitori, i giovanissimi schermidori under14 sono stati chiamati a collegarsi in cam…scoprendo, a sorpresa, dall’altra parte dello schermo il proprio beniamino.

L’iniziativa, intitolata “ZoomPrise – Apri la cam e trova il tuo campione” ha visto coinvolti gli azzurri Daniele Garozzo, Beatrice “Bebe” Vio, Alice Volpi, Valerio Aspromonte, Alessio Foconi, Rossana Pasquino e Paolo Pizzo.

Ognuno di loro è stato protagonista di una “sorpresa online” ad un piccolo campioncino in erba della scherma italiana che, in maniera inconsapevole, aveva confessato la sua preferenza a genitori e maestri. Ne sono scaturite gag divertenti e, soprattutto, c’è stata la possibilità per i piccoli under14 di poter dialogare e rivolgere delle domande ai propri beniamini.

A partire da domenica 20 dicembre e fino al giorno dell’Epifania, le “ZoomPrise” saranno pubblicate sui canali social della Federazione Italiana Scherma.

“Come Federazione non possiamo che essere grati a Kinder Joy of Moving per aver condiviso questa iniziativa – commenta il Presidente federale, Giorgio Scarso -. L’obiettivo è quello di mantenere viva la passione per la scherma e di farci sentire vicini soprattutto agli atleti più giovani. Ringrazio anche i “campioni” che si sono prestati e che ancora una volta hanno dimostrato il grande senso di “famiglia” che anima la scherma italiana. Dopo la campagna “Pronti, a Voi”, ancora una volta insieme a Kinder Joy Of Moving, abbiamo puntato al coinvolgimento e all’esperienza emozionale e, stando a quanto gli occhi dei ragazzi comunicano, l’obiettivo è stato raggiunto!”.

Sport24h.it nasce dall’idea che ogni disciplina sportiva è portatrice di un sistema di valori, emozioni e linguaggio unici. Contrariamente alla narrazione imperante: non esistono i fatti separati dalle opinioni (in questo ci sentiamo un po’ eretici). La realtà è sempre, inevitabilmente, interpretata dalla sensibilità di chi la racconta.

Commenta